Amore ai tempi di Al Qaeda

Il testo di oggi parla di terrorismo,  di morte ma anche, e sopratutto, d'amore.



Amore ai tempi di Al Qaeda


“Allahu Akbar”
Urla un imam
Gente nel bar
Sottomessa all’Islam

Corri, amore non ci pensare
Vivi, torneremo ad amare
Alla paura dai un calcio
Fammiti dare un bacio

Che caldo sotto la scrivania
Ricordi le prime volte
Nella buia cantina di zia
Ci presero a botte

Non avranno la nostra quotidianità
Sarà la sola cosa che ci rimarrà
Vivremo senza paura
Quest’epoca oscura

Domani i TG ne parleranno
L’argomento per un anno
Interventi di persone strane
Inesperte tanto quanto rane

“State lontani da musei
Non venerate altri dei”
Ogni singola parola
Inculcata anche a scuola

Amore, tesoro mio
Ora che siamo soli
E non c’è manco dio
Son sfioriti i girasoli

Ti ho amata come nulla mai
Ti ho voluta per come sei
Che tristezza doverti dire addio
Ed è per questo che ne sono restio

Grazie per aver letto anche questo testo, vi invito a leggere i post precedenti, a condividere e ,se vi va,a ritornare quando saranno presenti nuove pubblicazioni.

Saluti!

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

Commenti

Post più popolari