Il giorno dopo fu delirio

Salve, oggi vi presento una poesia che tratta
di un dopoguerra che può essere contemporaneo, passato o futuro, insomma, la collocazione la decidete voi o cari lettori.



Il giorno dopo fu delirio

IL giorno dopo fu delirio
Farina ascendeva da strade cineree
Si parlava solo di martirio

Più ladri in giro che tipi onesti
Tocchi  di pane per nude bocche
Che da tempo mangiano solo resti

Colui che fino a ieri era oste
Oggi ha chiuso, è a casa
Parla solo di morte

Seriamente non rammento
Un ponte traversabile
Un collegamento

Si riempirono le chiese
Atei in ginocchio
Ogni giorno dieci messe

Raramente aiuti umanitari
Eravamo soli
Odiavamo anche i nostri cari

Rispettabile era solo quello col fucile
Aveva tutto e non aveva niente
Sappiamo che lo tenesse nel fienile 1

Ci scaldavamo col cuore
Ovviamente non parlo di gioia
Né tantomeno d’amore

Roma muta
Mutilazioni
‘’Scelta astuta’’ 2

Sulla statale
Non trovavano clienti
Nemmeno le cicale

Qualcuno che mi venisse a svegliare
A dirmi che tutto era un sogno
Consumato in riva al mare

Purtroppo cosi non era
E avevamo tanta paura
Repentina scendeva la sera

I suicidi non si contavano
Dal ponte, in cantina
Centinaia si ammazzavano

C’era chi di evadere cercava
Non avendo alcol o erba
Della colla da scarpe aspirava

Piansi? Forse leggermente
Senza rendermi conto
Che sarebbe durato lungamente

Ma dimmi come tu fai
A vivere felice
E a non riflettere mai

Di conoscenza dici di aver piena la faretra
In verità, amico mio
La tua superbia è cosa alquanto tetra

Facevamo a botte per una nazionale 3
Tanta era l’astinenza da nicotina
Che ci pareva cosa normale

Gli occhi li usai per vedere
Non più per invidiare.

Note:

1) Il taleera rispettabile esclusivamente per il fatto che possedeva un fucile infatti lo teneva nel fienile poiché neppure in grado di utilizzarlo.

2) Frase che i capi di stato affermano prima di entrare in guerra.

3) Sigaretta.

Quo dicto et quo scripto vi saluto, vi invito a leggere le altre pubblicazioni presenti nel sito e a ritornare quando ne saranno disponibili altre.

Volendo potete contribuire alla mia crescita culturale visitando la mia lista desideri su Amazon e regalando qualcosa.

Ah, da qualche giorno potetes eguirmi anche su Facebook ed Instagram!



Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.


Commenti

Post più popolari