Poesia a forma di rosa

Oggi vi porto una poesia scritta affinché le parole rappresentino una rosa. Schema usato in un intera raccolta da Pier Paolo Pasolini che oltre alle parole è intenzionato a dare una forte importanza all'estetica che queste possono offrire seguendo un po' l'ideale di F. Petrarca.

Potrebbero esserci dei problemi di visualizzazione da smartphone, vi consiglio dunque o di leggerla da computer o di attivare la modalità dekstop dal telefono.



Rosa:


Parlo di te
Con occhi caldi di gioia
Una poesia che ricordi una rosa
La più preziosa che mai ti possa esser donata
Di rose rosse ne è pieno il mondo, ogni donna ne ha una
Ma di rose al sapor di parola ce ne son davvero poche e tu ora ne hai una
Perché questo tipo di rosa non appassisce senz’acqua o col grande caldo
Questa rosa è come l’amore che in me arde per te
Ho provato ad estinguerlo con basse passioni
Ma nessuna sa dare ciò che tu hai
Parlo di te, la rosa
più bella.

Se, per motivi a me ignoti, volete contribuire alla mia crescita culturale, e di strada da fare ce n’è davvero tanta, trovate qui la mia wishlist di Amazon.

Grazie per aver letto questo testo, vi invito a leggere quelli precedenti e se vi va di tornare quando ne saranno disponibili di nuovi (solitamente ne esce sempre uno il venerdì).


Per rimanere sempre aggiornati mi trovate sia su Facebook che su Instagram.

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

Commenti

Post più popolari