Insania Amoris

La poesia che vi porto oggi parla della follia d'amare, di quanto questo si trovi nelle piccole cose e nei momenti felici.


Insania Amoris 1

Follia è averti lontana e pensarti
Follia è voler portarti via
Dammi mille baci
E poi altri cento
E non come il vecchio Catullo 2
Che dalla tomba ancora piange
Dammeli veramente
Contiamoli uno ad uno
Fino a che spossati
Ci buttiamo a terra
E riscaldiamo d’amore
La gelida sabbia
Arriverebbe l’alba
La marea ci sveglierebbe
La vecchia a coglier vongole
E il bagnino desto di buon mattino
Tu finalmente coi capelli sfatti
Intriganti e selvaggi come le vecchie anime
Che ancora, dopo anni, abitano i manicomi
Se sognar tutto ciò è follia
Ringrazio piangendo la poesia
Che mi dona d’esser folle

Note:
1) Follia d'amore (lat.)
2) Catullo nel carme V a Lesbia

Se, per motivi a me ignoti, volete contribuire alla mia crescita culturale, e di strada da fare ce n’è davvero tanta, trovate qui la mia wishlist di Amazon.

Grazie per aver letto questo testo, vi invito a leggere quelli precedenti e se vi va di tornare quando ne saranno disponibili di nuovi (solitamente ne esce sempre uno il venerdì).

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.

La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.


Per rimanere sempre aggiornati mi trovate sia su Facebook che su Instagram.

Volendo potete anche offrirmi un caffé virtuale tramite Paypal. 

Commenti

Post più popolari