Il vecchio e la puttana

Oggi ritorno a parlare d'amore, in un altro modo ancora, con altre similitudini ma concettualmente, alla fine, si torna sempre lì.

Se vi va, sarebbe bellissimo, condividete!

Il vecchio e la puttana: 

Per innamorarmi ci metto due ore

Schiocchio le dita e vola il cuore
Per te ho dato cuore e voce
E mi hai risposto con Cristo
E te fai la Maria sotto la croce
A innamorarmi che ci metto io?! 
Tenendo il parallelismo con il figlio di Dio
Tre giorni e sono come nuovo
Come donna dopo il parto
Come colomba mi muovo
Su e giù tra i tuoi occhi
E dei tuoi baci sporchi
Faccio cosa pura 
Rendo chiara quest'anima scura
E se ieri avevo paura di incontrarti
Oggi non uscirei se sapessi che non ci sei
T'adoro come antichi greci facevano con gli dei
E loro però ch'eran gente di grande cultura
Avevano un amore limitato, razionale
Io che mi beo della mia ignoranza 
Non so darmi ragione, non so amarmi
E amo senza alcuna cognizione 
Come se fosse cosa quotidiana 
Come il vecchio e la puttana
dalla quale senza esitazione
Si reca per ricevere una lezione 
Che non è storia o filosofia 
Ma amore che fa perder la via.

Se, per motivi a me ignoti, volete contribuire alla mia crescita culturale, e di strada da fare ce n’è davvero tanta, trovate qui la mia wishlist di Amazon.

Ci vediamo nei prossimi giorni con qualcosa di nuovo!
Per rimanere sempre aggiornati mi trovate sia su Facebook che su Instagram.

Volendo potete anche offrirmi un caffé virtuale tramite Paypal.
 
Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.


La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.



Commenti

Post più popolari