A Misaele





A Misaele: 


Verdi campi ora vedrai
Nella luce che mai si spegne
La tua dolcezza dovrà pur servire
Ad un dio che t’ha rivoluto con sé
Perché troppo bello eri, troppo presto è
Veglia sui tuoi genitori che t’hanno amato
E tanto ameranno il tuo ricordo
Hanno bisogno del tuo sorriso
Ora più che mai nella loro vita
Poggia la tua dolcissima mano
Sulle loro nude spalle
Affinché camminino senza inciampi
Senza paura verso la notte
Ch’ora è scura come non mai
Dimmi Dio, perché lo fai?
Abbiamo bisogno di risposte
Nessuna fede può gioire
Ad una perdita simile
E allora consolaci
E allora consolali
Appena lo vedrai
Alle porte del tuo regno
Prendilo con te
Abbraccialo

Alla tua destra fallo sedere.

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.


La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

Commenti

Post più popolari