Poesia per il nuovo anno

Quest'oggi voglio portarvi una poesia che ho scritto per il nuovo anno e presenta una curiosa metafora: il nuovo anno visto come una lunga strada da percorrere.



Poesia per il nuovo anno: 

E siamo entrati nella buia via
Che ci accompagnerà per un anno
Una via che pare sprovvista di lampioni
Ci hanno condotto qui, aperto la macchina
Datoci un calcio e lasciati nel nulla
Chissà che compagni troveremo
Chissà che esperienze collezioneremo
Quali saranno gli amori che assaggeremo
Le nude bocche che baceremo
Comincio a camminare con la mia solita paura
Di non riuscire a raggiungere la fine della via
Una paura che è sorta nella strada precedente
E che mi porterò dietro davvero a lungo
Nel frattempo inizio anche a tremare
Chissà dove avranno lasciato le tue nude membra
Dove avranno scaricato i tuoi dolcissimi occhi
Ho paura che il tuo ritrovamento
Debba avvenire dopo la mia perdita
E questa cosa mi terrorizza assai
Più volte in bilico tra il nostro mondo
E quello delle anime
Mi hai, non volendo, salvato la vita
Scrivendo un qualsiasi messaggio
Che fosse cosa seria, che fosse cazzata
La premura di risponderti e l’attenzione
Che ripongo in ogni lettera che ti scrivo
Fa si ch’io decida di dimenticarmi dei miei dolori
Di chiamare le anime
E di sprenotare la camera
Che avevo ansiosamente richiesto. 

Potete, volendo, offrirmi un caffè virtuale tramite paypal:

 
Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.


La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

Commenti

Post più popolari